Catinaccio

Il mondo delle fiabe di Re Laurino

Luoghi d’interesse consigliati di Catinaccio

Catinaccio a Nova Levante

Dopo la sconfitta ad opera di Dietrich von Bern, il re Laurino maledisse il suo incantevole roseto, cosicché questo non ...

    • (0)
Lago di Carezza - Karersee a Nova Levante

Numerosi furono gli scrittori ed i pittori, che scelsero il cristallino lago di montagna, con il suo verde scintillante, ...

    • (1)
Latemar a Nova Levante

Das Weiße Bergmeer der Dolomiten im Rosengarten-Latemar-Gebiet.

    • (0)
Castel Mareccio - Schloss Maretsch a Bolzano

Compatto, delimitato da quattro torrioni circolari, Castel Mareccio è l'unico dei molti castelli nell'area di Bolzano a ...

    • (0)

Escursioni consigliati

Su di Catinaccio 

Le romantiche cime del Catinaccio si tingono di un rosa acceso durante il tramonto: uno spettacolo della natura unico chiamato enrosadira su una delle più belle catene montuose delle Dolomiti.

Un fenomeno naturale mozzafiato circonda il Catinaccio: ogni sera, quando il sole lascia l’occidente, le rocce calcaree iniziano un delicato gioco di colori che dal rosa passa al viola – il famoso fenomeno dell’enrosadira. Il sorprendente rosseggiare delle vette alpine è a livello mondiale uno degli spettacoli naturali più sorprendenti; le spettacolari luci della sera derivano dalla combinazione mineralogica del magnesio con il carbonato di calcio di cui è composta roccia della famosa catena montuosa.
Immerso nel Parco Naturale Sciliar-Catinaccio in Val d‘Ega si erge l’intrigante massivo montuoso del Catinaccio, che si estende da Nova Levante alla Val di Fassa e affascina assieme alle sue impressionanti vali non solo appassionati sportivi come escursionisti, arrampicatori, fanatici della mountainbike e dello sci, bensì attira anche amanti della natura.

Al centro della catena montuosa le 6 torri del Vajolet offrono un panorama magnifico e a un’altezza di circa 2.460m esse vengono attraversate dal Passo Vajolet situato a nord, mentre a sud sono divise dal Passo di Laurino a 2.627 m. Altri higlight nel regno delle Dolomiti Patrimonio naturale dell’UNESCO, che da sempre attirano scalatori da tutto il mondo, sono il Catinaccio d’Antermoia (a 3.004 m la cima più alta del Catinaccio) raggiungibile dal Passo Principe, la Cima Catinaccio come anche numerose vie ferrate come il già citato Passo Principe o il Passo Santner.
Gli amanti della natura, invece, potranno sbizzarrirsi nel fondovalle: svariati sentieri escursionistici e tracciati per mountainbike vi porteranno attraverso sontuosi prati e fitti boschi attraverso i stupendi dintorni. Durante i mesi invernali non vedrete l’ora die paesaggi innevati e romantici, potrete intraprendere facili ciaspolate e radenti discese sulle piste indossando snowboard o sci, o ancora fare una gara arrampicandovi sul ghiaccio.
Nella parte a sud del Catenaccio, percorrendo il Passo Carezza, si trova invece il massiccio del Latemar. Poco lontano da questo passo montano si trovano 2 importanti attrazioni: l’area sciistica di Carezza Ski e il magico Lago di Carezza, che ogni anno attira numerosi visitatori.